Coltelleria Einstein
Via Serra 9
15122 Valmadonna (AL)
Tel. / Fax: +39.
0131.1924142
Mob. +39 348.8720266
Email: coltelleria_einstein@tin.it


Spettacoli Progetti Formazione Rassegne e Festival
 
Home
Chi siamo
Contatti
Rassegna stampa
Area Download
Calendario
Teatro in lingua
Progetti
 
Coltelleria Einstein
Profilo facebook

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 



Di
Giorgio Boccassi
Fabio Comana
Antonio Russo

Con

Giorgio Boccassi
Fabio Comana
Antonio Russo

Regia
Giorgio Boccassi
Fabio Comana


Assistenza tecnica
Massimo Rigo

IN COPRODUZIONE CON

ERBAMIL
Languori
Dai 14 anni

Tre uomini sulla scena, in un'ambientazione essenziale ma non naturalistica che richiama una teatralità da Commedia dell'Arte, stipulano un patto per migliorare le loro vite: "mai più schiavi del cibo".

Mai più golosi, mai più ingordi, mai più voraci, cercheranno la frugalità, la sobrietà, la misura, suggerendo il bisogno di uno stile di vita "alto", libero dai vincoli della carnalità e della volgarità. Riusciranno nel loro intento? Saranno capaci di resistere alle continue tentazioni che arriveranno a distoglierli dai loro propositi?

Lo spettacolo si struttura su questa semplice situazione. La scava, la indaga, la porta alle estreme conseguenze rivelando sorprese, colpi di scena, battute che divertono e stupiscono.

Si ride molto, nell'amarezza della coscienza delle proprie debolezze, della sconfitta di ideali travolti dai bisogni; eppure ci si intenerisce nel vedere questi non-eroi accettare alla fine umilmente i propri limiti.

Una volta la fame era un fatto di sopravvivenza, ai tempi di Arlecchino si rideva di un problema reale, condiviso. Oggi nella società occidentale, opulenta e consumista, il rapporto con il cibo si modifica, si allontana dalla semplice funzione organica del nutrimento, assume altre valenze, soddisfa altri bisogni. Diventa rifugio, consolazione, trasgressione, ossessione, fino a toccare gli estremi del dramma, della tragedia.

Languori non si spinge fino a quel punto, ma ne lascia intuire la possibilità esplorando il malessere e le tentazioni del quotidiano, nel quale possiamo riconoscerci tutti, ogni volta che apriamo il frigorifero.

E' la proposta di un viaggio dentro noi stessi che ci porta a ridere delle nostre debolezze per capirle meglio e (forse) per riuscire a guardare un pò più lontano.

E' un contributo ed uno stimolo alla riflessione, nel divertimento, sul tema dell'alimentazione, così importante e delicato per l'equilibrio delle persone e degli adolescenti in particolare.

Scarica scheda PDF